4 maggio 2013 – Workshop di riciclo creativo

Come sostengono molti scienziati, da qualche anno sul nostro pianeta si consumano più risorse di quante la Terra sia in grado di rigenerare. Questo significa che abbiamo iniziato a contrarre un debito ecologico che aumenta ogni giorno di più. Nonostante ciò, si continua a consumare senza freni e il legame tra l’uomo e il suo prodotto è divenuto sempre più labile, così si mette da parte il vecchio perché il nuovo è più efficiente, più funzionale e più pratico.
Gli oggetti vecchi o usati, sebbene rappresentino il mezzo tramite il quale il presente rincorre la memoria e i ricordi, vengono posti in disuso perché ingombranti o perché pensiamo non servano più. Quante volte vi è capitato di avere tra le mani un disco di vinile e rivivere sui propri polpastrelli le emozioni del suo percorso?
Il riciclo creativo non indica solo l’arte di creare tramite l’utilizzo di oggetti usati, ma rappresenta l’adozione di pratiche quotidiane capaci di restituire dignità agli oggetti mantenendo il rispetto dell’ambiente.
L’AGAT, in qualità di partner del progetto europeo Eco-Creativity, contribuisce allo sviluppo di queste azioni. Nell’ambito di tale progetto, è stato organizzato sabato 4 maggio 2013, presso i locali dell’ex cinema Volturno a Roma, il workshop Eco-Creativity Riciclo Creativo. L’incontro è iniziato alle ore 10.00, sotto la guida di due eco-artiste, Clara Pastorelli ed Erika Albano, le quali, dopo aver mostrato alcune creazioni da loro prodotte, hanno supportato e supervisionato i partecipanti al workshop nella realizzazione di alcuni oggetti. Così, nell’arco della mattinata, da scatoloni di cartone inutilizzati sono nate meravigliose cornici, oppure, la plastica dei bicchieri è stata trasformata in orecchini, o dischi di vinile sono divenuti parti essenziali di una graziosa borsa. E poi, collane, bracciali ed altro con i materiali più impensabili.
Tanta la soddisfazione e lo stupore dei partecipanti che, giunti al workshop con a loro busta di cose usate o rotte, al termine dell’incontro hanno potuto ammirare la metamorfosi degli oggetti passata attraverso le loro mani. Il workshop si è concluso alle ore 13.00 con un rinfresco offerto dall’AGAT.
L’AGAT, sia in qualità di partner di Eco-Creativity, sia nelle altre attività che svolge in ambito nazionale e internazionale, è sempre in prima linea sul tema della sensibilizzazione ambientale. Stefano Biancone

DSC_0365

DSC_0346 DSCN2533

Annunci

Informazioni su agatweb

Associazione Geografica per l'Ambiente ed il Territorio
Questa voce è stata pubblicata in Eventi. Contrassegna il permalink.